Il “Ponte del Diavolo” Rakotzbrücke fu progettato per creare un Cerchio specchiandosi nell’Acqua

In Europa esistono numerosi ponti del Diavolo, ma il Rakotzbrücke all’interno del parco naturale di Kromlau è probabilmente il più conosciuto e spettacolare di tutti. La maggior parte dei ponti “del diavolo” europei fu costruita in epoca medievale ed immediatamente successiva, fra il 1.000 e il 1.600 circa, e nella sola Francia se ne contano 49. I Ponti del Diavolo si trovano con facilità e frequenza anche in Italia, Germania, Portogallo, Slovenia, Spagna, Svizzera, Regno Unito, Estonia, Romania e Bulgaria, ma anche in altri paesi fuori dall’Europa.

Come detto prima, il Rakotzbrücke si trova nel più grande parco della Sassonia, il “Azaleen- und Rhododendronpark Kromlau” (parco delle azalee e rododendri di Kromlau), a circa 120 chilometri da Dresda, sul confine con la Polonia. Il Parco fu realizzato durante il XIX° Secolo da Friedrich Hermann Rotschke, cavaliere di Kromlau e amante della natura. Il parco è un bellissimo esempio di giardino inglese, con molti piccoli stagni e laghi. La sua peculiarità è certamente il Ponte del Diavolo, a poca distanza dal parcheggio per le automobili.

Le Leggende del Ponte

L’architetto che progettò il ponte strinse un patto col maligno: avrebbe realizzato un ponte unico, ma la prima anima del primo essere vivente che l’avesse attraversato sarebbe finita all’inferno. L’astuto architetto raggirò Belzebù, facendo attraversare il ponte da un cane.

Un’altra storia racconta che chiunque gli passerà sotto con una barca a vela durante una notte di luna piena scoprirà le abilità mistiche racchiuse dentro di sé.

Altre persone sostengono che, se guardato da una certa angolatura, il Ponte sveli il volto del Diavolo, mentre altri ancora affermano che il ponte sia esso stesso un portale verso un altro mondo.Naturalmente, tutte queste leggende contribuiscono solo ad accrescere il misticismo legato ad un’opera architettonica bellissima.

Il ponte infatti è solo la metà di un cerchio perfetto, l’altra metà viene realizzata dal suo riflesso nell’acqua, creando l’illusione di un tondo in pietra completo. Se state progettando una visita al Rakotzbrücke informatevi bene sull’apertura e sulla sua effettiva transitabilità: il ponte non è sempre aperto al pubblico al fine di preservarlo per le generazioni future.

ripuariatravel 24 Ottobre 2019 Uncategorized no responses

A Dubai tutto è grandioso, e non fa eccezione il Dubai Miracle garden, il giardino naturale più grande del mondo!

Cos’è il Dubai Miracle Garden
Si tratta di un immenso giardino floreale, inaugurato nel 2013 – non a caso nel giorno di San Valentino – nel distretto di Dubailand.

Cosa si trova e cosa vedere
Il giardino è unico nel suo genere. Riuscite ad immaginare oltre 150 milioni di fiori distribuiti su una superficie superiore ai 72.000 metri quadrati, composti in forme e scenari particolari? Delfini, pavoni, macchine, piramidi, personaggi…

Certo non è semplice: per avere un’idea più precisa vi consigliamo di dare una sbirciatina ai filmati e alle immagini pubblicate sul sito web di questa attrazione.

Come immaginerete, dal vivo tutto sarà ancora più bello: archi floreali, motivi colorati, forme elaborate e divertenti che vi faranno sentire in un set cinematografico all’insegna della stravaganza, del colore e dell’allegria.

Sicuramente apprezzerete gli aspetti legati alla progettazione del parco, i colori, i profumi, e forse desidererete avere… lo stesso pollice verde che ha dato origine a un simile tripudio!

I pezzi forti del Dubai Miracle Garden:

EMIRATES A380
Questa installazione floreale a forma di aeroplano è stata realizzata in collaborazione con la compagnia aerea Emirates Airline.

Pensate che il velivolo è a grandezza naturale, ricoperto da più di 500.000 fiori freschi e piante, e rappresenta davvero un’installazione da Guinness, essendo la più grande struttura di fiori del mondo.

TOPOLINO

Non poteva mancare all’appello Mickey Mouse, una struttura floreale realizzata in base ad un accordo di licenza con The Walt Disney Company.

Topolino è alto ben 18 metri: su di lui fanno bella mostra quasi 100.000 piante e fiori, ma l’aspetto delicato non deve ingannarci, perché è tutto molto solido! La scultura, infatti, pesa circa 35 tonnellate ed è sostenuta da una struttura in acciaio da 7 tonnellate, con fondamenta in calcestruzzo del peso di 50 tonnellate.

BIG TEDDY BEAR
Il maxi orso è alto 12 metri e trasmette un messaggio di amore e armonia tramite l’enorme cuore che tiene tra le zampe.

LOST PARADISE
Il “paradiso perduto” è una cascata di fiori sotterranea, che arriva fino a 6 metri di profondità, con case e bungalow floreali. L’effetto è molto scenografico.

LAKE PARK
Questa installazione ci ricorda come acqua e fiori rappresentino una combinazione che funziona sempre! Le fontane colorate e i laghetti sono integrati perfettamente tra i fiori colorati e creano un’atmosfera rilassante.

HEARTS PASSAGE
Il passaggio dei cuori è una delle attrazioni più significative del Dubai Miracle Garden. Fa proprio un bell’effetto attraversare a piedi dozzine di grandi cuori ricoperti di fiori profumatissimi.

FLORAL CASTLE
Un’installazione fiabesca: il castello floreale è circondato da milioni di fiori e all’interno ha… una sala da pranzo!

FLORAL CLOCK
L’orologio floreale è alto 15 metri e fiori e disegni variano in base alla stagione. Le parti meccaniche dell’orologio arrivano direttamente dagli Stati Uniti.

Con tutte queste attrazioni floreali, il giardino ha il potere di incantare tutti, dai negati di giardinaggio ai più esperti!

Per esempio, piace molto a una persona che di flora se ne intende davvero: Dana Frigerio, garden designer e blogger che dirige la rivista di fiori e viaggi Blossom zine e che l’ha citato in questa intervista.

Il Dubai Miracle Garden inoltre, oltre ad essere straordinario di per sé offre numerosi comfort: parcheggio all’aperto, parcheggio VIP, aree salotto, sala di preghiera, servizi igienici, impianto di abluzione, sala sicurezza, pronto soccorso, carrelli per visitatori disabili.

E’ presente anche un grande Auditorium floreale, per spettacoli teatrali dal vivo e momenti di intrattenimento.

C’è poi il “Parco Trampolino“, divertentissimo per i piccoli (ma anche per i grandi).

Include 12 tipologie di trampolini, e se – evenienza probabile – i bambini preferiranno trattenersi a saltare piuttosto che fare lunghe passeggiate tra i fiori, potrete affidarli al personale interno che si prenderà cura di loro in sicurezza mentre giocano.

Non potrà mancare un momento per lo shopping, nel negozio di souvenir a base di fiori, dove troverete tanti prodotti con il logo del Dubai Miracle Garden, e personaggi del merchandising Disney.

ripuariatravel 14 Ottobre 2019 Uncategorized no responses

E’ improbabile che ci sia almeno un altro Paese al mondo che possa essere paragonato agli Stati Uniti come numero di attrazioni naturali e create dall’ uomo, la diversità delle zone climatiche e opportunità ricreative.In questo articolo, parleremo di un viaggio in America di cosa vedere, dei monumenti più famosi degli Stati Uniti. Noleggiando un  auto negli Usa, potrete fare un tour in giro per gli Stati Uniti e vedere quasi tutte le attrazioni.

La statua della libertà

Una grande statua di una donna orgogliosa si erge su un piedistallo, con una torcia accesa, nella sinistra ha una tavoletta. È considerata un simbolo non solo di New York, ma di tutta l’America. Creata in Francia, la Statua della Libertà si è perfettamente “sistemata” sulla sua isola vicino a Manhattan. Tutti i turisti sono fotografati tutto il tempo sullo sfondo, tradizionalmente in piedi in una posizione ben nota con una mano tesa.

Manhattan

Il centro storico di New York, il cuore e il quartiere più famoso, costoso, lussuoso e distretto vivace della città. Qui incontrerai un gran numero di persone, automobili, centri commerciali e complessi di uffici. Manhattan viene sempre trasmessa in vari film di Hollywood e diventa la scena di thriller e commedie romantiche. Puoi solo affittare un’auto e pedalare tutto il giorno, ammirando la bellezza della città.

Cascate del Niagara

Potete parlare della bellezza e della potenza di questa cascata più famosa del mondo per molto tempo, ma lo spettacolo in sé non può essere sostituito da nulla. Ci sono diversi modi per ammirare Niagara: da un elicottero, da un tunnel sotto potenti getti d’acqua e, naturalmente, dalla costa. Ad ogni modo, è incredibilmente bello, ma molto rumoroso.

Il ponte Golden Gate

Precedentemente, questo ponte sospeso a San Francisco era il più lungo del mondo, ma ora è molto lontano dai detentori del record, perché è piuttosto vecchio. Tuttavia, il Golden Gate ha ancora un aspetto piuttosto dignitoso e snello, essendo un biglietto da visita riconoscibile della città.

Grand Canyon

Bene questo è proprio il Grand Canyon, un vero miracolo della natura, da cui tutti i viaggiatori sono abbagliati. Puoi trovarlo in Arizona. Questo canyon è l’oggetto geologico più insolito del pianeta. I turisti hanno la possibilità di stare su una piattaforma di vetro sopra il canyon.

Spostamento di pietre nella Valle della morte

Una delle meraviglie della natura, a cui non c’è ancora alcuna spiegazione. Queste pietre sono chiamate striscianti o scorrevoli. Immaginate enormi massi che si muovono lentamente lungo il fondo di un lago secco nella famosa Valle della Morte, lasciando un solco dietro di loro. Dove strisciano e gli scienziati non sono in grado di stabilire. Il modo più redditizio per arrivarci è tramite il noleggio di auto USA.

Yellowstone

Il Parco Nazionale di Yellowstone è un oggetto inserito nella lista dell’UNESCO, che occupa una parte del territorio degli stati del Montana, Idaho e Wyoming. Il parco è famoso per i suoi geyser, i paesaggi pittoreschi, la natura incontaminata, la ricchezza di flora e fauna. Qui potrete vedere grotte uniche, laghi cristallini, canyon mozzafiato e fiumi turchesi.

Times Square 

È uno dei luoghi più popolari della città e uno dei suoi simboli principali. Anche chi non è mai stato a New York, sicuramente conosce lo scenario di Times Square a causa di numerosi film e notizie. Times Square è un mix di teatri di Broadway, negozi di marca, numerosi caffè, intrattenimento e istituzioni varie.

Walt Disney World

Il più grande e famoso parco di divertimenti del mondo, Walt Disney World si trova in Florida. Non si tratta nemmeno un parco, ma un’intera città da favola, composta da quattro parchi divertimenti a tema e due parchi acquatici. Questo posto è ideale per adulti e bambini, in quanto ci sono attrazioni per tutti.Trascorri una lussuosa vacanza in uno dei tanti alberghi a tema nel parco.

Casa bianca

Nella capitale degli Stati Uniti, è difficile trovare un posto più famoso della Casa Bianca. Questo edificio è famoso in tutto il mondo. Si trova a Washington, nella sua regione nord-occidentale. Il presidente del paese si riunisce in questo edificio principale.

ripuariatravel 12 Ottobre 2019 Uncategorized no responses

Halloween è una festa irlandese, e non americana come la maggior parte di noi ha sempre immaginato, e le sue origini risalgono alla notte dei tempi…
Nacque anni e anni fa nell’antica e misteriosa Irlanda, una festa chiamata Samhain (si pronuncia Sauin).Corrispondeva con il Capodanno celtico e segnava la fine dell’estate e l’inizio dell’inverno.
Era il giorno in cui la luce dell’estate lasciava il posto al buio invernale, e nella notte tra il 31 ottobre e il 1° novembre.Durante questa festa i Celti erano soliti ringraziare gli dei ed esorcizzare le tenebre, aggirandosi per le strade facendosi luce con lanterne intagliate nelle rape, e indossando maschere e costumi per spaventare gli spiriti che, con il buio, sarebbero potuti tornare sulla terra a impaurire i vivi. E sempre in quella notte, gli uomini mascherati che bussavano alle porte delle case, ricevevano in cambio del cibo. Questo serviva per calmare le anime dei defunti e quelle degli spiriti cattivi. Colui che regalava il cibo otteneva in cambio fortuna, chi si si rifiutava cadeva in disgrazia. Da qui il nostro motto “dolcetto o scherzetto?”, in inglese “trick or treat?”. La parola Halloween è la forma contratta di All Hallow’s Eve, che significa letteralmente la vigila di Ognissanti. Hallow è la parola dell’inglese arcaico che significa Santo. Quindi niente di spettrale! E ti sei mai chiesto del perché il simbolo di Halloween sia la zucca intagliata e illuminata? Come ti dicevo poco fa nasce tutto dal Capodanno celtico, ma c’è una leggenda terrificante legata alla zucca che voglio raccontarti. Si tratta della leggenda di Jack-O’-Lantern, un astuto malfattore irlandese che durante la notte di Samhain riuscì ad ingannare Satana, riuscendo a vivere più del dovuto. Alla sua morte però fu rifiutato sia dall’Inferno che dal Paradiso, e fu condannato a vagare sulla Terra.Jack, per illuminare la sua via, utilizzò una rapa e ci mise dentro un tizzone ardente donatogli dal diavolo in persona, realizzando così la prima “rapa” di Halloween.La rapa si trasformò in zucca quando nell’800 gli irlandesi emigrarono in America, e non trovando rape abbastanza grosse, iniziarono a utilizzare le zucche, peraltro più facili da scavare

ripuariatravel 11 Ottobre 2019 Uncategorized no responses

Pochi anni ed anche questa isola tropicale, meta preferita da molti turisti, sarà completamente sommersa dalle acque dell’Oceano Indiano che la circondano. A lanciare l’allarme di questa ormai concreta possibilità che minaccia la popolazione maldiviana, è stato lo stesso Mohamed Nasheed, nel 2012, allora presidente del Paese, che ha dichiarato che a causa dell’incredibile innalzamento dell’acqua le Maldive scompariranno del tutto ed il popolo sarà costretto ad emigrare verso l’Australia. Per il mondo, il rischio è quello di perdere uno dei suoi tesori più belli. Un tesoro che si trova nel mezzo dell’Oceano Indiano, al largo dello Sri Lanka, all’ altezza dell’equatore. Non sorprende che quest’autentica meraviglia colpisca al cuore e lasci senza parole. E’ stato così da sempre. Basti ricordare una leggenda islamica sulla loro nascita, per capire quanto siano considerate uno dei punti più alti della creazione: “ E Dio, accortosi della bellezza del mondo, pianse. Le sue lacrime divennero questo paradiso in terra”. Per gran parte della loro esistenza, le isole delle Maldive rimasero disabitate. Troppo lontane da tutto. Letteralmente “in mezzo al mare”: la prima costa abitata dista 800 km. Poi, circa nel 1500 a.c., i primi insediamenti: alcuni abitanti dell’India del Sud e dello Sri Lanka, di religione buddista, cominciano a navigare verso queste terre. Gli storici dicono per commerciare le conchiglie che qui si trovano. Ma forse non è nella mente che occorre cercare una ragione.

ripuariatravel 29 Agosto 2019 Uncategorized no responses

Sharm el Sheikh è una delle più note località turistiche dell’Egitto. Affacciata sul Mar Rosso e posta nella parte sud della Penisola del Sinai, la città è ricca di villaggi e residence turistici.

Tra mare splendido e spiagge memorabili: scopriamo di più.

Info utili:

  • Lingua parlata: Arabo. Nelle località turistiche e al Cairo, molti comprendono l’Italiano e l’Inglese
  • Moneta locale: Lira egiziana (€1,00 = 20,6912 EGP)
  • Clima: secco e caldo tutto l’anno, (in estate fra 35-45°C, in inverno 20-25°C)
  • Quando andare: si consigliano i mesi di aprile, ottobre e novembre
  • Fuso orario: un ora avanti rispetto all’Italia.
  • Religione: il 90% della popolazione è di fede islamica, il restante 10% di fede cristiana.
  • Vaccinazioni: nessuna vaccinazione per chi proviene dall’Italia (è richiesto invece il vaccino contro la Febbre Gialla per chi arriva da determinate zone dell’Africa a rischio). Sono consigliati farmaci quali antipiretici, antibiotici a largo spettro, fermenti lattici, un anti-diarroici.
  • Requisiti d’ingresso: Passaporto o Carta d’identità valida per espatrio con validità residua di almeno 6 mesi. Visto turistico dal costo di circa €13,00 (può essere richiesto in aeroporto all’arrivo presentando i suddetti documenti).
  • Distanza dall’Italia: la città dista 4.525 km da Roma (circa 4-5 ore di volo)
  • Aeroporto: Aeroporto Internazionale di Sharm el-Sheikh (SSH), servito da compagnie come Meridiana, EgyptAir, Alitalia, Lufthansa.
  • Dall’aeroporto all’hotel: Dista circa 20 km ed è collegato tramite bus, minibus e taxi.
  • Come muoversi in città: Il mezzo più consigliato è il taxi, ricordatevi di contrattare il prezzo, e tenete conto che generalmenteo con €5,00 vi portano praticamente ovunque, e vengono pure a riprendervi nel luogo concordato all’orario concordato.
  • Come muoversi fuori città: Per gite ed escursioni di un giorno nei dintorni, sono consigliati i minibus.

Ecco le nostre 10 motivazioni:

1 – Naama Bay

La baia di Naama è la zona in cui si sviluppa il quartiere commerciale e la moderna urbanizzazione di Sharm el-Sheikh. Le acque sono ideali per gli amanti dello snorkeling e delle immersioni: qui infatti vi si trova una delle più belle e celebri barriere coralline di tutto l’Egitto. Per gli amanti della movida, ci sono anche numerosi locali notturni.

  • Come arrivare:Il modo migliore per raggiungerla è in taxi, Ottieni indicazioni
  • Info e prezzi: l’accesso alla spiaggia costa fra i €3,00 ed i €5,00, i prezzi per un pranzo al ristorante partono dai €30,00 a coppia, gli aperitivi da circa €8,00.

2 – Parco nazionale di Ras Muhammad

02 parco nazionale ras muhammad sharm el sheikh

Situato sulla punta meridionale del Sinai, questa riserva naturale si estende per 480 km quadrati e offre un panorama a dir poco splendido: deserti incontaminatispiagge di sabbia bianca, siti perfetti per lo snorkeling e le attività di balneazione con la possibilià di ammirare alcune delle più importanti specie esotiche. Vi è anche un lago di acqua salata.

  • Come arrivare:Il modo migliore per arrivare è tramite minibus o taxi. Tempo di percorrenza circa 40 minuti.
  • Info e prezzi: il parco offre diverse zone accessibili gratuitamente, ma il modo migliore per visitarlo è probabilmente tramite tour organizzati via mare o via terra (escursione in minibus da €28,00 a persona).

3 – Nabq Bay

Nabq Bay è uno dei centri principali che formano l’hinterland di Sharm-el-sheikh. Situata davanti all’isola di Tiran, ancora una volta parliamo di snorkeling e immersioni: come rinunciare a un mare così bello per ammirare la vita sott’acqua!
A Nabq Bay non piove quasi mai e la meta è molto apprezzata anche dagli amanti delle escursioni e del birdwatching: l’habitat attira molte specie di animali e di uccelli.

  • Come arrivare:Il modo migliore per raggiungerla è in taxi. Tempo di percorrenza circa 20 minuti.

4 – L’isola del Faraone

L’isola del Faraone è situata nel golfo di Aqba, a circa 250 metri dalla costa. Punto cruciale dell’isola è la suggestiva fortezza, costruita dai Crociati nel XII secolo per difendere i pellegrini che si spostavano tra Gerusalemme e il Monastero di Santa Caterina. Dalla parte superiore della fortezza si ha uno spettacolo unico e si possono vedere ben 4 Paesi: l’Egitto, Israele, la Giordania e l’Arabia Saudita.

  • Come arrivare:in aliscafo, il tragitto dura circa 2 ore

5 – Moschea di Al-Mustafa

Moschea dallo stile unico e dall’architettura sorprendente: con la sua splendida facciata in marmo, una cupola impressionante e diversi minareti torreggianti è un luogo di culto che trasmette pace e relax. Attualmente non è possibile entrarvi, ma l’area esterna merita una visita.

  • Come arrivare:in taxi, dista circa 11 minuti da Naama Bay
  • Info e prezzi: ingresso libero

6 – Cattedrale di Heavenly

La Cattedrale di Heavenly è la più grande chiesa ortodossa copta di tutta Sharm. E considerata una delle più belle Chiese del mondo, e a ragione: al suo interno vi sono imponenti affreschi e pitture murali religiosecon scene bibliche.
Eratta in soli 2 anni, si trova nelle vicinanze della Mosche di Al-Mustafa, nel quartiere di Hay el Noor.

  • Come arrivare:in taxi, dista circa 13 minuti da Naama Bay
  • Info e prezzi: ingresso libero

7 – Sharm vecchia: Old Market

La città vecchia è conosciuta anche come “Old Market”: il centro storico è un luogo molto ricco e vivace dal punto di vista culturale, ed è un luogo ideale per fare shopping e godere del clima caratteristico tipico di Sharm. Si trovano inoltre alcuni dei più famosi prodotti di questa città, tra cui erbe e spezie.

  • Come arrivare:in taxi, dista circa 15 minuti da Naama Bay
  • Info e prezzi: i prezzi per la merce sono molto bassi, ma ricordatevi che è buona norma trattare con i commercianti!

8 – Alexandro Cafe

08 alexandro cafe sharm

Uno dei migliori shisha bar di Sharm el-sheikh in cui è possibile fumare narghilè è l’Alexandro Cafe, che offre l’opportunità di distendersi sui cuscini e rilassarsi per tutto il tempo che si desidera. Imperdibile.

  • Come arrivare:in taxi, dista circa 13 minuti da Naama Bay.
  • Info e prezzi: fra €3,00 e €13,00 a persona a secondo di quello che si ordina.

9 – Spiaggia e barriera corallina di Ras Um Sid

Una delle spiagge più belle di Sharm è Ras Um Sid, nella parte sud della città, nella zona del faro. La zona è attrezzata per snorkeling e immersioni, perché è impossibile perdersi la barriera corallina qui presente. Ideale sia per sportivi ma anche per famiglie e per giovani in luna di miele.

  • Come arrivare:Il modo migliore per raggiungerla è in taxi. Tempo di percorrenza circa 17 minuti.

10 – Star Gazer Night nella Valle di Mander

Non potete lasciare Sharm senza aver partecipato all’escursione in notturna per ammirare le stelle nella Valle di Mander. Perfetta per persone di tutte le età, dai bambini agli anziani, è possibile provare l’ebbrezza del giro nel deserto e sperimentare l’ospitalità beduina. La serata ha inizio con una festa egiziana in tenda e a lume di cancela.

  • Come arrivare:I tour prevedono il prelievo direttamente in hotel.
  • info e prezzi: Il prezzo varia dai €35,00 ai €60,00 a persona.
ripuariatravel 22 Agosto 2019 Uncategorized no responses

Se vi è capitato di vedere il famoso film musical “Mamma Mia”,allora avete già avuto un’ anteprima della splendida isola di Skiathos. E’ l’isola più piccola e più mondana delle Sporadi Settentrionali, con spiaggia, sabbia e le cartoline da sogno.Occupa una superficie di circa 48 km quadrati, è davvero ospitale e non ha nulla da invidiare alle isole più grandi.

LE CITTA’ :
  • Skiathos
skiatos-grecia-travelfeliz

Il capoluogo dell’isola è Skiathos città, una bellissima cittadina che si affaccia su una baia romantica e lussureggiante.La città di Skiathos è il vero cuore dell’isola, con ristoranti e negozi e una movimentata vita notturna che attira i giovani da ogni parte della Grecia e d’Europa.I vicoli del borgo sono ricchi di taverne, ouzerie, negozi di antiquariato, gioiellerie e locali alla moda dove rilassarsi alla fine di una giornata di mare.Non mancano le attrazioni turistiche, come la fortezza Bourtzi o il castello della Città Vecchia.

  • Bourtzi

Verdissima penisola sul porto, ospita le rovine del castello veneziano di San Giorgio, risalente al 1207.

  • Chora

Capoluogo ricco di chiese come quella della Madonna di Limni (1838), con le reliquie di Papadiamantis, e quella di San Nicola con il suo famoso orologio.

  • Kastro

I racconti di Papadiamantis si ispirano a questa ex città fortificata del XIV secolo.

LE SPIAGGE :

Skiathos è un’isola cosmopolita, con boschi  e spiagge sabbiose, la cui più nota è Koukounaries.Si contano tra le 50 e le 60 spiagge o calette, molte raggiungibili via barca.Dal capoluogo, prima della famosa Koukounaries, ma sulla strada le spiagge di  TzaneriàAghia Paraskevì, Vromolimnos che offrono sport acquatici.

  • Koukounaries

Considerata la spiaggia più bella della Grecia e sicuramente la più famosa di Skiathos, la spiaggia di Koukounaries è un vero paradiso terrestre lambito da acque colore verde smeraldo.

Non ci sono palme a Koukounaries ma c’è una grande pineta da cui la spiaggia prende il nome: si pratica sci nautico.Koukounaries ha una bellezza disarmante: la distesa di sabbia fine e dorata è lambita dai pini e piante di fico che offrono ombra naturale e refrigerio ai vacanzieri.Alle spalle della spiaggia si trova una vasta area protetta, un parco meraviglioso dove passeggiare e ammirare il lago collegato al mare da uno stretto canale.

  • Lalaria
lalaria-skiatos-grecia

Questa spiaggia è famosa per “La pietra bucata”, enorme roccia che ricorda un ponte sull’acqua.

ripuariatravel 8 Agosto 2019 Uncategorized no responses

Importante centro strategico della Calabria, Rossano fu fondata presumibilmente dagli Enotri, una popolazione dell’Italia preromana insediata più di tremila anni fa; in seguito, il borgo conobbe le dominazioni romana, bizantina, normanna e spagnola, pur mantenendo sempre una propria indipendenza culturale
Oggi, dopo la fusione con il vicino comune di Corigliano, Rossano è la terza città per popolazione in Calabria: un importante e popoloso centro urbano, quindi, la cui prestigiosa storia lo ha reso un rinomato polo turistico.
Fra i luoghi di interesse storico e i monumenti da vedere a Rossano, segnaliamo la splendida Cattedrale di Maria Santissima Achiropita,

che è stata eretta intorno all’anno mille. Successiva di più di cinquecento anni, invece, è la Torre Normanna di Sant’Angelo, con i suoi innovativi bastioni a diamante che, all’epoca, svolgeva la funzione di baluardo difensivo contro le incursioni navali.


Il Museo Diocesano e del Codex custodisce il più prezioso dei reperti storici di Rossano, il Codex Purpureus Rossanensis, risalente al VI secolo: si tratta di un libro liturgico miniato sul Nuovo Testamento, che è stato inserito nel patrimonio UNESCO.
Questa cittadina grazie alla sua invidiabile posizione, infatti, è perfetta sia per una gita al mare che per una tra i suggestivi monti della Sila. Come tutta la Calabria, anche Rossano offre una gamma di prodotti gastronomici davvero eccezionale. Il Caciocavallo Silano è il formaggio più rappresentativo della zona, caratterizzato da un buon livello di piccantezza, qualità che certamente non manca all’anduja, un must per chi vuole assaporare la vera essenza calabrese. La vera peculiarità della cittadina è la liquirizia, radicata nella tradizione rossanese: a Rossano, infatti, ha sede la Amarelli , una delle aziende calabresi più famose in Italia e nel mondo per via della sua gustosa liquirizia. Proprio in onore di questo prodotto, è stato fondato un museo molto apprezzato e ricco di curiosità. Tra storia, gastronomia, paesaggi mozzafiato e un patrimonio artistico sorprendentemente vario, Rossano offre tutto ciò che qualsiasi visitatore possa desiderare, per una vacanza all’insegna del relax, della cultura e dei prodotti tipici.

ripuariatravel 24 Luglio 2019 Uncategorized no responses

Regalati un’escursione a Isola di Capo Rizzuto e scopri la bellezza dell’Area marina protetta e del Parco archeologico. Scopri i sapori locali. E nella frazione Le Castella è d’obbligo godersi l’incanto del castello aragonese.

Questo promontorio bagnato dal Mar Ionio, oltre a darti il benvenuto nell’incanto del Golfo di Squillace, ti proietta direttamente nell’Area marina protetta di Capo Rizzuto.

E non mancano di certo le testimonianze della storia plurimillenaria di questa terra: avrai infatti la possibilità di visitare anche il Parco archeologico di Capo Colonna,

dove sono ancora visibili le tracce del tempio di Hera Lacinia, uno dei più importanti della Magna Grecia.Per chi invece ama startene… sott’acqua, allora puoi seguire il percorso archeologico subacqueo di Punta Scifo, oppure tuffarti a Le Castella: proprio nei fondali davanti al castello aragonese è adagiato il relitto di una grande nave; poco più in là c’è anche un presepe subacqueo.Bello e interessante da vedere anche il centro storico di Isola Capo Rizzuto, caratterizzato dal castello feudale.

Risalente al Medioevo, nel XVI secolo il complesso fu fortificato su volere del feudatario Giovanni Antonio Ricca. Notevoli anche le torri angolari speronate e la porta del borgo medievale, spartiacque tra il cuore antico di Isola Capo Rizzuto e la zona più moderna. Sul mare, è possibile ammirare la cinquecentesca Torre Vecchia, un grande “cilindro” eretto per far fronte alle incursioni dei pirati barbareschi: ogni nave sospetta veniva segnalata dai guardiani, consentendo ai residenti di adottare le opportune contromisure.

ripuariatravel 22 Luglio 2019 Uncategorized no responses

Se dico Monopoli a voi che cosa viene in mente?Probabilmente state pensando al famoso gioco da tavolo, ma c’è una bellissima città in Italia che andrebbe visitata almeno una volta nella vita.
Se non l’avevate mai sentita nominare fino a oggi, non vi preoccupate: siete in buona compagnia! Monopoli, infatti, non è tra le destinazioni più conosciute della Puglia: città dal passato fiorente e dallo splendido centro storico medievale.Proprio per questo conserva il suo carattere originario e non è stata presa d’assalto dal turismo di massa; tra l’altro, non è per niente cara rispetto ad altre città sue vicine più note e blasonate. Il nome Monopoli suscita curiosità: deriva dal Greco monos e polis, città unica, e unica in effetti lo è davvero. Vediamo insieme dove andare e che cosa scoprire in città! Amata dai locali e frequentatissima soprattutto d’estate, Monopoli ha una storia millenariaspiagge e calette bellissime che si affacciano su un mare cristallino. Qui le occasioni di svago non mancano. Il territorio di Monopoli è molto vasto e variegato, si estende sulla costa di Bari a metà strada tra Polignano a Marea nord e Castellana-Grotte a sud, e veramente a due passi dalla meraviglia di Alberobello.

Il centro storico vi stupirà: balconi fioriti, vie tortuose e piene di fascino, facciate istoriate e locali brulicanti di vita si avvicendano in una meraviglia di stradine tutte sui toni del bianco e dell’azzurro, dove perdersi è davvero un attimo. L’anima godereccia della città si colora soprattutto a sera, quando potrete sentirvi dei veri monopolitani e prendere l’aperitivo al centralissimo Caffè Venezia, o al Caffè Carlo Quinto sul lungomare. Monopoli ha un lato rustico, ma è anche una città glam che ama divertirsi: se anche voi avete voglia di far festa e regalarvi una notte brava ci sono i weekend del Trappeto, un’antica masseria riconvertita a locale super cool e trendy, famoso per i suoi dj set e per le sue feste che cominciano nel cuore della notte e proseguono fino a mattina. Mise elegante e tacco 12, please!

Proprio nel centro storico cercate Piazza Palmieri, la piazza più bella antica della città,la chiesetta romanica di Santa Maria Amalfitana e non mancate una visita alla Cattedrale. Dedicata alla Madonna della Madia, protettrice di Monopoli, ospita una celebre icona che racconta leggende affascinanti.

Proseguendo incontrerete Cala Porta Vecchia e seguendo le vecchie mura arriverete fino al Porto Vecchio, che con i suoi gozzi dipinti di azzurro disegna una delle vedute in assoluto più belle di Monopoli, e il Castello di Carlo QuintoPraticamente, una cartolina! Una delle particolarità di Monopoli è che il suo territorio è molto più esteso di quel che sembra: si suddivide in 99 contrade, che tra loro sono diversissime. Il Capitolo è la zona balneare per eccellenza, con chilometri di spiagge sabbiose che di giorno accolgono famiglie e bagnanti, mentre di sera si trasformano in discoteche e locali da movida in piena regola, come il Purple Beach. Le spiagge di Monopoli sono tantissime, così come le calette e insenature nascoste e tutte da scoprire.

Porto Ghiacciolo è una delle più belle: qui si può pranzare a base di pesce freschissimo, prendere un aperitivo in riva al mare e lasciarsi cullare dalle acque blu della baietta, sempre limpide e anche freddissime (c’è una sorgente d’acqua dolce che sgorga qui), proprio come suggerisce il nome.

ripuariatravel 21 Luglio 2019 Uncategorized no responses